Dallo studio delle idee allo sviluppo di nuove imprese

  • Inserito: Ven, 02/24/2017 - 17:47

Business Model Canvas

Il 9 Febbraio, presso il nostro Social Point, si è tenuto il terzo appuntamento formativo del Laboratorio innovativo di idee creative e condivise per fornire alla comunità nuovi strumenti per l'attivazione dello sviluppo locale. L’incontro dal titolo “Da idea a progetto: startup e innovazione per l’imprenditorialità”, tenuto dal Dott. Simone Piceno, ha permesso ai beneficiari di riflettere sul settore socio-economico e al tempo stesso acquisire gli strumenti teorici e le metodologie pratiche per analizzare e condurre processi di sviluppo imprenditoriale. L'incontro è stato incentrato sugli asset pratici per analizzare e sviluppare un’idea al fine di evolverla in un progetto di business. Si è iniziato con una prima individuazione dei modelli economici tradizionali fino alle attuali startup, conoscendone punti di forza e criticità. E’ emerso come la creazione di un'impresa sia un processo difficile e che il semplice termine "startup" nasconde spesso disillusioni e grandi impegni e capacità tecniche. Si è poi continuato approfondendo nel dettaglio due utili approcci metodologici. Il primo è quello del Business Model Canvas, una matrice grafica da compilare attraverso Post-it che permette di individuare, attraverso una serie di passaggi logici, la Proposta di valore che consente di far evolvere una semplice idea in un modello di business attuabile. A questo si è affiancato il Value Proposition Canvas, altro semplice strumento incentrato sui Consumatori e sui loro bisogni. L'obiettivo del metodo di studio è quindi conoscere gli elementi valutativi per avviare un progetto a partire da risorse spendibili e di cui la gente ha realmente bisogno, incentrando su questi anche le modalità di vendita e altre strategie di marketing. Il laboratorio si è poi concluso analizzando i Business Model Canvas di imprese celebri e di successo. Fra queste sono state mostrate Zara (abbigliamento) e Nespresso (caffè) evidenziandone differenze e similitudine e mostrando la facilità con cui è possibile compilare i due documenti. L’incontro ha destato notevole interesse fra i partecipanti, evidenziando l’utilità degli strumenti proposti e diffondendo innovativi metodi per accrescere le basi socio-economiche per l’auto-imprenditorialità. [CONTINUA]

Laboratorio formativo: da idea a progetto

  • Inserito: Lun, 02/06/2017 - 10:34

Laboratorio formativo: da idea a progetto

Continua il nostro percorso costruttivo affrontando insieme un tema ricco di spunti ed opportunità. Giovedì 9 Febbraio, nei locali del Social point (Taste point dell'ex Casa del Fanciullo a San Giuseppe Jato), dalle 16.30 alle 19.30, con il dottore Simone Piceno conosceremo le tecniche e gli strumenti pratici per trasformare un'idea in un progetto imprenditoriale. Durante l'incontro formativo gratuito, conosceremo diversi modelli di business e le caratteristiche principali delle startup innovative. Attraverso esperienze pratiche e casi studio, la giornata si trasformerà in un workshop per apprendere tecniche e strumenti per individuare potenzialità e rischi nell'avviare un processo imprenditoriale. Obiettivo dell'incontro sarà fornire le conoscenze e gli strumenti base per trasformare un'idea in un progetto di business innovativo e sostenibile. Vi invitiamo così a partecipare numerosi, perchè oltre al confronto costruttivo, questa sarà occasione per esplorare potenzialità e strumenti per uno sviluppo economico sostenibile e integrato.  Non mancate

Creare sviluppo grazie a nuove opportunità

  • Inserito: Mer, 02/01/2017 - 21:40

Europrogettazione

Il 12 e il 24 Gennaio, presso il nostro Social Point, si sono tenuti i primi appuntamenti formativi del Laboratorio innovativo di idee creative e condivise per fornire alla comunità nuovi strumenti per l'attivazione dello sviluppo locale. I due incontri dal titolo “Metodologia e tecniche della progettazione europea”, tenuti dal Dott. Giovanni Battista Ficani, hanno permesso ai beneficiari di riflettere sull'ambito e al tempo stesso acquisire gli strumenti teorici sui temi della programmazione e della progettazione europea. L’iniziativa, ha avuto l’obiettivo primario di prendere in analisi il ciclo vitale del progetto, che non è un elenco di buone intenzioni, ma a partire da un macro argomento deve concentrarsi su obiettivi chiari, meglio se su uno solo, puntuale, delimitato e misurabile. Durante il primo incontro sono state prese in analisi le fasi progettuali che si dividono sostanzialmente nei seguenti punti: Programmazione (documenti sovra ordinati rispetto al nostro progetto, indirizzi e strategie), identificazione (analisi del contesto, dei punti di forza, delle criticità, delle potenzialità, etc.), formalizzazione (del meta progetto e del progetto), finanziamento, implementazione e valutazione (efficienza ed efficacia, risultati, mancanze, riscontri, etc.).  [CONTINUA]

Laboratorio formativo: metodologie e tecniche della progettazione europea

  • Inserito: Lun, 01/09/2017 - 12:18

Laboratorio formativo: metodologie e tecniche della progettazione europea

Con l'inizio di un nuovo anno insieme, diamo avvio a una serie di incontri che mirano a fornire, a cittadini ed associazioni, strumenti e tecniche per l'attivazione dello sviluppo locale dal basso.
Giovedì 12 e martedì 17 Gennaio, nei locali del Social point (Taste point dell'ex Casa del Fanciullo a San Giuseppe Jato), dalle 16.30 alle 19.30, con il professore Gianbattista Ficani esploreremo opportunità e potenzialità per la crescita di nuove progettualità ammissibili a canali di finanziamento. Nei due incontri formativi, rifletteremo insieme sulle reali possibilità di costruire e avviare progetti finanziabili, che prevedono l'inclusione di tutti i cittadini alla vita pubblica e il potenziamento e valorizzazione delle risorse umane e strutturali del territorio della Valle dello Jato. Vi invitiamo così a partecipare numerosi, perchè oltre al confronto costruttivo, questa sarà occasione per imparare nuovi strumenti o affinare tecniche per una progettualità consapevole, sostenibile e integrata.

Il laboratorio con gli studenti dell'IPSASR: il report dei risultati

  • Inserito: Mar, 12/20/2016 - 16:51

Report IPSASR

Il pomeriggio del 14 Dicembre trascorso con gli studenti dell’IPSASR di San Cipirello, è stato occasione per sperimentare un approccio integrato e partecipato allo sviluppo di proposte progettuali per la riqualificazione di aree libere e spazi dei comuni di San Giuseppe Jato e San Cipirello.
L’incontro si è sviluppato in tre fasi:
- presentazione del progetto Centro di coordinamento e di progettazione come spazio della democrazia e della legalità - Jato Spazio Idee e in particolare degli obiettivi, della metodologia e delle attività svolte
- avvio di tre gruppi di lavoro con il supporto di facilitatori per lo sviluppo di progetti partecipati
- presentazione dei risultati dei tre gruppi di lavoro.
Il laboratorio ha costituito un importante tassello del processo di coprogettazione coinvolgendo dei giovani studenti che si apprestano a diventare futuri esperti in campo agrario con competenze anche nello sviluppo di comunicazione web e marketing. Il loro apporto risulterà così significativo per le seguenti fasi del progetto, soprattutto per la disseminazione e diffusione di competenze e metodologie. [CONTINUA]

Dalle proposte ai progetti. I risultati del laboratorio di concertazione

  • Inserito: Mar, 12/06/2016 - 15:07

Report dalle proposte ai progetti

Il workshop “Dalle proposte ai progetti: verso l’Agenda partecipata di sviluppo locale” tenutosi il 1 Dicembre 2016 presso il Social point, ha costituito il diretto proseguimento delle attività di co-progettazione del 15 e 16 Ottobre. Le oltre cento proposte venute fuori dai tavoli di lavoro dello scorso evento, sono state infatti ridiscusse e analizzate dai partecipanti in due momenti distinti, ma correlati. In una prima fase, l’intero elenco è stato sottoposto individualmente sotto forma di questionario. Su questo modulo, ognuno ha potuto segnare un grado di priorità per ogni idea progettuale evidenziando al tempo stesso come molte delle proposte potevano essere integrate ed unificate fra loro. Questo poichè il questionario conteneva i risultati di gruppi di lavoro che hanno affrontato gli stessi ambiti (territoriale e urbano) giungendo spesso ai medesimi risultati. In questa prima parte, la comunità è stata invitata anche a scegliere quale settore di intervento individuare come prioritario per lo sviluppo del territorio. Il risultato è un quadro che punta decisamente sulle risorse locali, il turismo e la qualità delle produzioni tipiche. [CONTINUA]

Dalle proposte ai progetti: verso l’Agenda partecipata di sviluppo locale

  • Inserito: Gio, 11/24/2016 - 17:37

Dalle proposte ai progetti

La coprogettazione per lo sviluppo condiviso di un territorio è un processo costruttivo e dinamico, frutto di diversi tasselli importanti. Giovedì 1 Dicembre, dalle 17.30, presso il Social Point del Centro Polifunzionale al Fanciullo, proveremo insieme a voi, a comporre una nuova visione condivisa della Valle dello Jato. Proseguendo i lavori avviati con il workshop del 15 Ottobre, riguarderemo con un occhio più attento e integrato, le proposte venute fuori dai gruppi sugli ambiti urbani e territoriali. Guidati da principi di sostenibilità, cooperazione e fattibilità, proveremo a far convergere le idee verso progetti realizzabili e concreti, stilando una matrice di priorità in base ai bisogni condivisi della cittadinanza. In un intenso pomeriggio che vedrà protagonisti la comunità, le associazioni e le istituzioni, proseguiremo il percorso progettuale per delineare insieme l’Agenda partecipata di sviluppo locale della Valle dello Jato: un documento che potrà avviare nuove progettualità creative e fornire innovative linee guida strategiche per la redazione di strumenti urbanistici e piani di sviluppo locale creati dal basso. Vi invitiamo quindi a partecipare a una nuova fase di workshop, legata alla concertazione, alla risoluzione dei conflitti e alla scelta di progetti concreti e realizzabili. Ascoltando le voci della comunità e valorizzando le risorse del territorio, miriamo così a costruire insieme una nuova visione di cambiamento fondata sulla sostenibilità, l’integrazione e la condivisione.

Il Social point: lo sportello mediazione conflitti per la partecipazione

  • Inserito: Lun, 11/14/2016 - 12:54

Social point sportello mediazione conflitti

Lo sviluppo condiviso del territorio non è relegato alle sole attività di coinvolgimento della comunità come eventi, laboratori e workshop. Presso la sede del Taste point all'interno del centro polifunzionale del Fanciullo a San Giuseppe Jato, è infatti attivo il nostro Social point, lo sportello mediazione conflitti. Questo luogo, aperto ogni martedì dalle 8.00 alle 14.00 e il giovedì dalle 8.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 19.00, mostra alla cittadinanza i risultati delle iniziative portate avanti dal progetto, ma in una chiave dinamica e creativa. Sarà possibile osservare i plastici complessivi dei lavori condotti durante il workshop "Progettazione partecipata nella Valle dello Jato" contenenti le criticità emerse dalle attività di analisi con la cittadinanza, ma soprattutto le idee progettuali della comunità, il tutto sottoforma di semplici "bandierine" localizzate direttamente sui luoghi individuati. Su questi supporti, i visitatori potranno continuare il percorso avviato dai laboratori aggiungendo, con dei postit, problematiche del territorio o proposte per il suo sviluppo. Lo sportello è inoltre sede della mostra che ospita le dieci bellissime foto vincitrici del contest fotografico "La Valle Jato, le risorse, le criticità e le opportunità", una raccolta che spinge a riflettere sulle potenzialità e le opportunità dell'intero comprensorio.

Il Social point vuole così essere uno spazio per creare rete fra persone, associazioni e istituzioni e al tempo stesso dare voce a chiunque voglia partecipare alle attività del progetto per la creazione dell'Agenda di sviluppo locale del territorio. Venite così a trovarci per contribuire alla risoluzione dei conflitti sociali e territoriali in una chiave propositiva, sostenibile e condivisa che sia il più possibile aperta a tutti e integrata con i bisogni dell'intera comunità.

Progettazione partecipata nella Valle dello Jato: i risultati dell’evento e del workshop

  • Inserito: Mer, 10/19/2016 - 11:10

Progettazione partecipata nella Valle dello Jato

A pochi giorni dalla conclusione della nostra intensa tre giorni incentrata sulla partecipazione e il coinvolgimento attivo della comunità, vogliamo raccontarvi la ricca esperienza trascorsa insieme a voi.

Venerdì 14 Ottobre, con illustri relatori e davanti un’attenta platea composta da professionisti e comuni cittadini, si è svolta una intensa mattinata di studio e racconto di esperienze gravitanti sul tema della partecipazione e la cittadinanza attiva organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica - Commissione Governance e diritti dei cittadini. La prima parte è stata dedicata alla realizzazione di un video di saluti per gli altri gruppi di lavoro che trattavano lo stesso tema a Padova e Firenze. Donatella Venti (INU), ha così avviato i lavori presentando i punti della Carta della partecipazione e alcune buone pratiche ispirate da questa. Si è poi dato avvio alla tavola rotonda con un gruppo interdisciplinare di studiosi e rappresentanti attivi del terzo settore. Fra i partecipanti, Vito Lo Monaco, Donatella Natoli, Emilio Vergani, Giovanni Ruggeri, Ignazia Pinzello, hanno affrontato le diverse sfaccettature del ruolo creativo della cittadinanza attiva spaziando fra legalità, senso della comunità, turismo, progettazione sociale e urbana dipingendo un quadro popolato da problematiche diffuse, ma dalle numerose potenzialità ed opportunità. Al termine, gli interventi liberi dei partecipanti, hanno ulteriormente confermato il grande interesse verso le tematiche partecipative, che possono diventare oggetto di nuove attività progettuali per lo sviluppo condiviso.

Le giornate di workshop di Sabato 15 e Domenica 16, sono state l’occasione per mettere in pratica i principi della Carta della partecipazione, oggetto del dialogo propositivo del 14 ottobre. All’interno del Centro diurno di San Giuseppe Jato, i partecipanti sono stati coinvolti in un processo continuativo rispetto alle precedenti iniziative. Le criticità del territorio, raccolte durante il Forum, l’escursione esperienziale, il pranzo condiviso e attraverso la piattaforma Renurban e il Contest fotografico, sono state ritrovate dai partecipanti su due plastici. Questi, uno rappresentante la Valle e uno gli ambiti urbani di San Giuseppe Jato e San Cipirello, sono divenuti “contenitori” di problematiche, rappresentate attraverso bandierine rosse inserite puntualmente nel luogo identificato. Alla presentazione dei lavori della giornata, i partecipanti sono stati invitati a visionarne la localizzazione e ad identificarsi nelle criticità evidenziate. Da questo punto di partenza, i due plastici sono diventati la base di lavoro per avviare processi di progettazione partecipata suddivisi in gruppi. Le tematiche urbane e territoriali hanno permesso di individuare sette tavoli progettuali che, con il supporto tecnico dei facilitatori, hanno prodotto proposte tangibili e realizzabili. Le intense ore di co-progettazione hanno visto protagonista la comunità in tutte le sue sfaccettature: membri di associazioni, giovani, professionisti, adulti e bambini, hanno affrontato le criticità del territorio e valorizzato le sue risorse per mitigare le problematiche e inserire nuove chiavi per lo sviluppo e il miglioramento della qualità della vita. [CONTINUA]

Progettazione partecipata nella Valle dello Jato

  • Inserito: Lun, 10/10/2016 - 11:26

Progettazione partecipata nella Valle dello Jato

Dal 14 al 16 Ottobre 2016, a San Giuseppe Jato, la comunità sarà protagonista di tre giornate all'insegna della progettazione partecipata e l'animazione territoriale. Venerdì 14 Ottobre, presso l'Aula Pio La Torre (Ex Casa del Fanciullo) a partire dalle 9:00, la commissione INU "Governance e diritti dei cittadini" organizza la giornata di confronto e approfondimento sul tema "La Carta della Partecipazione e il coinvolgimento reale dei cittadini" nell'ambito del Progetto Paese 3.0. L'Istituto Nazionale di Urbanistica, in un evento che si terrà in contemporanea anche a Padova e Firenze, presenterà la Carta della Partecipazione e le buone pratiche che questa ha attivato nelle comunità del Sud Italia. Il documento, cui ha aderito anche il Comune di San Giuseppe Jato, fornirà quindi gli stimoli per avviare una tavola rotonda sulle tematiche della cittadinanza attiva, la governance e la co-progettazione. La giornata sarà anche occasione per presentare i vincitori del contest fotografico "La Valle dello Jato, le risorse, le criticità e le opportunità" organizzato per attivare la comunità ad analizzare e riscoprire con modalità creative il proprio territorio.
A seguire, Sabato 15 e Domenica 16 Ottobre, presso il Centro Diurno, a partire dalle 9:30, il Progetto Centro di coordinamento e di progettazione come spazio della democrazia e della legalità - Jato Spazio Idee, organizza due giornate incentrate sul ruolo attivo della cittadinanza. Il primo giorno, i cittadini saranno coinvolti in un workshop di progettazione partecipata che li spingerà, a partire dai risultati delle precedenti attività del progetto, a ripensare il territorio Jatino in un'ottica di sviluppo locale condiviso. Attraverso dei tavoli di progettazione partecipata, la comunità sarà guidata verso l'ideazione pratica di progetti per la valorizzazione delle risorse e la crescita socio-economica della Valle. Facilitatori e tecnici urbanisti, animeranno il processo creativo e spingeranno i partecipanti a produrre elaborati grafici chiari e semplici con l'uso di penne, matite colorate e pennarelli. I prodotti di questo processo creativo verranno poi presentati nella giornata di Domenica attraverso un'assemblea conclusiva che vuole mostrare alla comunità e all'Amministrazione quali azioni e priorità attivare per lo sviluppo dal basso del territorio.
Dal 14 al 16 Ottobre, non mancate a tre giornate intense e ricche di attività conoscitive e creative inserite in un contesto di portata nazionale; ripartiamo insieme dai cittadini per favorire il riscatto sociale e il rilanco territoriale e creare un futuro sostenibile, integrato e condiviso. [CONTINUA]